Tempo di previsioni 1: cinque nuove tendenze per l’AI nel 2024

Secondo Ammagamma, la società modenese di data science con la mission di sviluppare soluzioni innovative di intelligenza artificiale
15 Gennaio 2024 |
A cura della redazione

5 i fenomeni emergenti:
– Gestione della fiducia, del rischio e della sicurezza con l’AI;
– nuova generazione dell’AI generativa;
– augmented Working;
– AI e cambiamento climatico;
– AI e democrazia.

Gestione della fiducia, del rischio e della sicurezza
In questo delicato ma quanto mai cruciale ambito, l’AI potrebbe diventare un prezioso alleato nel supportare le aziende in situazioni di crisi e di forte incertezza. Per esempio, nel campo della sicurezza, consentendo di automatizzare una serie di compiti nevralgici tra cui l’identificazione delle minacce cyber, la risposta tempestiva in caso di incidenti e la gestione delle vulnerabilità IT; relativamente alle vulnerabilità, potrebbe aiutare gli operatori a migliorare la visibilità e la comprensione del rischio, grazie all’analisi di grandi moli di dati. Per ciò che concerne il decision making, permetterà di rendere più trasparenti e spiegabili i processi decisionali al fine di costruire strategie AI-driven affidabili.

Nuova generazione dell’AI generativa
Gli sviluppi tecnologici di un’AI sempre più accessibile, più versatile ed economica. Se da un lato i Large Language Models continueranno a prosperare, nuovi modelli renderanno questa tecnologia più democratica e disponibile, alla portata di tutti: sempre più piccoli, tarati su compiti specifici, che opereranno ai margini delle reti o su piccole infrastrutture aziendali. Altra importante innovazione è data dall’AI generativa multimodale, in grado di elaborare molteplici input e differenti linguaggi, generando contenuti ex novo a partire per esempio da un insieme di elementi come un testo, un’immagine, una canzone.

Augmented working
Nel mondo del lavoro si sta delineando una progressiva simbiosi tra capacità umane e abilità dell’AI, che si concretizza in una migliore produttività ed eccellenza: è l’integrazione di quest’ultima all’interno dei processi operativi e decisionali.
Qualche esempio: nel settore biomedicale l’AI permetterà di potenziare il lavoro dei medici fornendo diagnosi guidate step-by-step nelle procedure cliniche; in ambito giuridico, durante lo svolgimento dei processi, sarà possibile ottenere i riferimenti a specifici casi giudiziari; nel mondo della programmazione, l’AI sarà una potente guida per gli sviluppatori nel fornire suggerimenti o addirittura la stesura di nuovo codice in modalità istantanea.

AI e cambiamento climatico
Benefici nella lotta al cambiamento climatico: riduzione delle emissioni di gas serra e di CO₂, grazie all’ottimizzazione dei processi industriali e delle flotte dei veicoli; ottimizzazione delle materie prime, con la riduzione degli sprechi e degli scarti; in campo agricolo, gestione più efficiente delle colture, dell’irrigazione e dell’uso di pesticidi.
Di recente sono stati realizzati modelli di machine learning (ML) in grado di effettuare previsioni meteorologiche più accurate, in meno tempo, tenendo conto di innumerevoli scenari e parametri, dati dalla complessità e dall’imprevedibilità della crisi climatica.

AI e democrazia
C’è chi dice che l’AI (specie quella generativa) possa rappresentare una “minaccia” alla democrazia, così come la conosciamo oggi. Nel 2024 si verificheranno più di 50 elezioni in tutto il mondo – vale a dire circa 2 miliardi di persone saranno chiamate a votare alle elezioni e ciò sta portando i social network e la stessa Google a munirsi di un sistema di auto-regolamentazione al fine di tutelarsi dai peggiori scenari. Una strada a cui si sta lavorando è mostrare in modo automatico agli utenti di essere in presenza di annunci e contenuti politici generati da un’AI, attraverso una dichiarazione esplicita. Esistono poi dei rischi significativi e concreti, tra cui l’abuso di potere e il controllo sui cittadini o i fenomeni di discriminazione razziale e di genere. Occorre però ricordare che l’utilizzo dell’AI in questo campo, se ben regolamentato, può apportare dei benefici senza precedenti, rafforzando l’esercizio della democrazia in modi ancora non sperimentati: migliorando l’accountability, ovvero tracciando i dati governativi in maniera trasparente; favorendo l’accessibilità alle attività politiche e alle elezioni a tutte le fasce della popolazione con l’uso di piattaforme dedicate.


A cura della redazione
Innov@zione.PA è testimone dell’execution digitale che grazie all’ICT rinnova modelli e processi della Pubblica Amministrazione Centrale e Locale. Il bimestrale illustra il quadro della messa in opera delle tante iniziative, dalle più consolidate a quelle più di frontiera, che pur operando in autonomia, e spesso con quegli elementi contrastanti tipici delle fasi di cambiamento e facendo sempre i conti con risorse limitate, tendono all’obiettivo della crescita del Paese attraverso l’elemento imprescindibile della modernizzazione della PA.

InnovazionePA è una iniziativa Soiel International, dal 1980 punto d’informazione e incontro per chi progetta, realizza e gestisce l’innovazione.
Tra le altre iniziative editoriali di Soiel:

Officelayout 195
Officelayout
Progettare arredare gestire lo spazio ufficio   Ottobre-Dicembre N. 195
Executive.IT novembre-dicembre 2023
Executive.IT
Da Gartner strategie per il management d’impresa   Novembre-Dicembre N. 6
Office Automation n.6 2023
Office Automation
Tecnologie e modelli per il business digitale   Novembre-Dicembre N. 6

Soiel International

Soiel International Srl

Via Martiri Oscuri 3, 20125 Milano
   Tel. +39 0226148855
   Fax +39 02827181390
   Email: info@soiel.it

CCIAA Milano REA n. 931532 Codice fiscale, Partita IVA n. 02731980153


Copyright 2022 © Soiel International Srl

Back to top