Biblioteca Apostolica Vaticana: l’eccellenza tecnologica Rittal al servizio della cultura

Sei secoli di storia, 180.000 volumi tra manoscritti e opere d’archivio, 1.600.000 libri stampati, più di 8.600 incunaboli, 300.000 tra monete e medaglie, 150.000 fra stampe, disegni e matrici, e oltre 150.000 fotografie: bastano questi numeri a dare l’idea dell’unicità della Biblioteca Apostolica Vaticana.Al suo interno è raccolto e conservato un patrimonio umanistico di straordinaria […]
9 Marzo 2020 |
A cura della redazione

Sei secoli di storia, 180.000 volumi tra manoscritti e opere d’archivio, 1.600.000 libri stampati, più di 8.600 incunaboli, 300.000 tra monete e medaglie, 150.000 fra stampe, disegni e matrici, e oltre 150.000 fotografie: bastano questi numeri a dare l’idea dell’unicità della Biblioteca Apostolica Vaticana.
Al suo interno è raccolto e conservato un patrimonio umanistico di straordinaria ricchezza, testimone della storia e del pensiero dell’umanità dai primi secoli dopo Cristo ad oggi.
Un patrimonio da conservare con cura, anche attraverso un ampio progetto di digitalizzazione che ha richiesto lo sviluppo di un Data Center dalle caratteristiche fuori del comune, realizzato da Rittal.
Tra le priorità della Biblioteca Apostolica Vaticana vi è sempre stata la protezione del suo immenso patrimonio culturale dai rischi di deterioramento e di usura, anche derivanti dalla consultazione e dal tempo.
Negli ultimi anni, la Biblioteca Apostolica Vaticana ha intrapreso un ambizioso progetto di digitalizzazione dei suoi manoscritti. Attualmente la Biblioteca Vaticana possiede circa 80.000 manoscritti, ogni volume ha circa 500 pagine e ogni pagina pesa, nell’ambito informatico, più o meno 200 MB. Si arriva così ad un posseduto dal punto di vista degli storage intorno ai 40 PB. Si tratta dunque di un’impresa molto consistente che verrà affrontata in un periodo di circa dieci anni.
.


.
La sfida tecnologica è stata raccolta e brillantemente vinta dotandosi di infrastrutture informatiche all’avanguardia che hanno contribuito a rendere questo progetto innovativo e un’eccellenza per il nostro paese. Lo scopo di conservazione nel tempo dei materiali ha influito pesantemente sui requisiti posti al nuovo sistema di digitalizzazione: trattandosi di un progetto di lunga durata, la Biblioteca Apostolica Vaticana ha dovuto confrontarsi con l’esigenza di individuare ed adottare sistemi sempre aggiornati sul piano tecnologico, esigenza a cui le soluzioni Rittal per Data Centre hanno risposto in modo efficace.
Anche il formato di conservazione dei documenti è stato accuratamente selezionato per assicurare non solo che il patrimonio di conoscenza in essi contenuto sia preservato anche per le generazioni future ma che gli studiosi e i ricercatori di tutto il mondo vi possano accedere con semplicità, in qualunque momento e da qualunque parte. È stato così deciso di utilizzare il formato Flexible Image Transport System (Fits), oggi già utilizzato in ambienti scientifici e dalla NASA.
Il Data Centre è stato realizzato all’interno di un’area esistente, limitrofa agli uffici, che èstata bonificata ed adattata allo scopo. Al fine di favorire la scalabilità e modularità nella crescita, a partire dal fabbisogno di capacità di archiviazione necessaria, l’architettura ed il layout del Data Centre sono stati accuratamente concepiti con la massima attenzione all’ottimizzazione.
Quest’opera rappresenta un fiore all’occhiello per Rittal che ha realizzato questa infrastruttura e che ne garantirà la manutenzione ed il funzionamento fino al 2020, affinché in tutto il mondo sia fruibile l’accesso e la consultazione di questo magnifico patrimonio che sono i testi conservati dalla Biblioteca Apostolica Vaticana.


A cura della redazione
Innov@zione.PA è testimone dell’execution digitale che grazie all’ICT rinnova modelli e processi della Pubblica Amministrazione Centrale e Locale. Il bimestrale illustra il quadro della messa in opera delle tante iniziative, dalle più consolidate a quelle più di frontiera, che pur operando in autonomia, e spesso con quegli elementi contrastanti tipici delle fasi di cambiamento e facendo sempre i conti con risorse limitate, tendono all’obiettivo della crescita del Paese attraverso l’elemento imprescindibile della modernizzazione della PA.

InnovazionePA è una iniziativa Soiel International, dal 1980 punto d’informazione e incontro per chi progetta, realizza e gestisce l’innovazione.
Tra le altre iniziative editoriali di Soiel:

Officelayout 196
Officelayout
Progettare arredare gestire lo spazio ufficio   Gennaio-Marzo N. 196
Executive.IT n.1 2024
Executive.IT
Da Gartner strategie per il management d’impresa   Gennaio-Febbraio N. 1
Office Automation n.2 2024
Office Automation
Tecnologie e modelli per il business digitale   Marzo-Aprile N. 2

Soiel International

Soiel International Srl

Via Martiri Oscuri 3, 20125 Milano
   Tel. +39 0226148855
   Fax +39 02827181390
   Email: info@soiel.it

CCIAA Milano REA n. 931532 Codice fiscale, Partita IVA n. 02731980153


Copyright 2022 © Soiel International Srl

Back to top