Da Verizon il Data Breach Investigations Report 2024

Giunto alla 17a edizione riporta che su 30.458 incidenti, 10.626 sono espropriazione di dati. In EMEA su 8.302 casi informatici 6.005 sono breach andate a buon fine
3 Maggio 2024 |
A cura della redazione

Essenzialmente la metà delle violazioni nell’area EMEA è iniziata internamente, ciò suggerisce un’alta diffusione dell’abuso di privilegi e altri errori umani. In tutta la zona, le cause principali sono errori vari, intrusioni nei sistemi e tecniche di social engineering, che insieme determinano l’87% delle breach analizzate. I tipi di dati compromessi più comunemente sono quelli personali (64%), interni (33%) e credenziali (20%).
La maggior parte delle intrusioni avvenute a livello globale (68%) è determinata da un’azione umana non dolosa, ovvero è generata da una persona che commette un errore o che cade vittima di un attacco di social engineering.
Un miglioramento è stato notato nel riconoscimento degli attacchi: il 20% degli utenti ha identificato e segnalato il phishing durante le simulazioni e l’11% lo ha anche riportato.
“Vi è da sottolineare l’aumento delle autodenunce che è promettente e indica un cambiamento culturale importante: denota una maggiore e più diffusa consapevolezza nella sicurezza informatica tra i dipendenti”, ha dichiarato Sanjiv Gossain, Vicepresidente EMEA di Verizon Business.
A livello globale, lo sfruttamento delle vulnerabilità in qualità di punto di accesso iniziale è aumentato rispetto allo scorso anno, figurando come il 14% del totale delle violazioni. Questa forte crescita è stata determinata principalmente dalla portata e dalla frequenza degli exploit zero-day impiegata da chi sferra attacchi ransomware.
Leanalisi della Cybersecurity Infrastructure and Security Agency (CISA) ha rivelato che, in media, le aziende impiegano 55 giorni per rimediare al 50% delle vulnerabilità critiche dopo il rilascio delle patch e il tempo mediano per rilevare gli sfruttamenti di massa è di cinque giorni.
Una “buona notizia”: l’ascesa dell’intelligenza artificiale (IA) è risultata meno preoccupante rispetto alle sfide nella gestione delle vulnerabilità su larga scala. “L’incapacità da parte delle aziende di applicare patch alle vulnerabilità di base fa sì che i cyber criminali non abbiano bisogno di far progredire rapidamente il loro approccio sull’IA e concentrino l’uso di quest’ultima sull’accelerazione del social engineering” ha commentato Chris Novak, Sr. Director of Cybersecurity Consulting di Verizon Business.
Oltre al marcato uso delle vulnerabilità, dal report emergono altri risultati di rilievo, tra i quali:
– Circa il 32% di tutte le violazioni ha coinvolto una tecnica di estorsione, compreso il ransomware.
– Negli ultimi due anni, circa un quarto (tra il 24% e il 25%) degli incidenti mossi da una motivazione finanziaria ha coinvolto una modalità di pretexting.
– Negli ultimi 10 anni, l’uso di credenziali rubate è comparso in quasi un terzo (31%) di tutte le breach.


A cura della redazione
Innov@zione.PA è testimone dell’execution digitale che grazie all’ICT rinnova modelli e processi della Pubblica Amministrazione Centrale e Locale. Il bimestrale illustra il quadro della messa in opera delle tante iniziative, dalle più consolidate a quelle più di frontiera, che pur operando in autonomia, e spesso con quegli elementi contrastanti tipici delle fasi di cambiamento e facendo sempre i conti con risorse limitate, tendono all’obiettivo della crescita del Paese attraverso l’elemento imprescindibile della modernizzazione della PA.

InnovazionePA è una iniziativa Soiel International, dal 1980 punto d’informazione e incontro per chi progetta, realizza e gestisce l’innovazione.
Tra le altre iniziative editoriali di Soiel:

Officelayout 196
Officelayout
Progettare arredare gestire lo spazio ufficio   Gennaio-Marzo N. 196
Executive.IT n.1 2024
Executive.IT
Da Gartner strategie per il management d’impresa   Gennaio-Febbraio N. 1
Office Automation n.1 2024
Office Automation
Tecnologie e modelli per il business digitale   Gennaio-Febbraio N. 1

Soiel International

Soiel International Srl

Via Martiri Oscuri 3, 20125 Milano
   Tel. +39 0226148855
   Fax +39 02827181390
   Email: info@soiel.it

CCIAA Milano REA n. 931532 Codice fiscale, Partita IVA n. 02731980153


Copyright 2022 © Soiel International Srl

Back to top